Luau Tiki Bar



Per Luau Tiki Bar, primo e unico Tiki Bar a Bari, abbiamo progettato il sistema d'identità visiva, realizzando un intervento all'interno dell'allestimento del locale, e disegnato il menu, per il quale abbiamo coinvolto il pubblico del locale attraverso instagram, dando vita un vero e proprio progetto partecipato basato sulle foto degli utenti.



Plus Gusto



Plus Gusto è società che si occupa di import-export di prodotti alimentari italiani in Germania.

Il nostro lavoro si è concentrato sull’identità visiva, attraverso la progettazione del brand e di tutti gli strumenti di comunicazione necessari come i prototipi dell’applicazione e del sito web.

Abbiamo inoltre progettato i totem interattivi che sono stati posizionati nei centri commerciali a scopo promozionale.



BACO – Coabitare a Sud



Per Baco, associazione di promozione sociale che promuove la pratica del co-housing in Puglia, abbiamo progettato un sistema d’identità generativo, capace, attraverso la molteplicità delle configurazioni possibili, di raccontare quanto bello e vario può essere “coabitare a sud”.

Durante le attività abbiamo inoltre disegnato un carattere tipografico, strumento fondamentale per modulare la composizione del brand.



XX Congresso Spi



Nel 2019 abbiamo curato il progetto di comunicazione per il XX congresso del Sindacato Pensionati CGIL che si è tenuto a Torino, negli spazi del Lingotto, luogo e memoria delle più importanti lotte e conquiste del movimento sindacale italiano, in quanto ex stabilimento della Fiat.

Il lavoro è stato complesso, dopo una prima fase di analisi e strategia, abbiamo definito il messaggio/titolo del congresso (“Qui si fa il Futuro”) e il visual.

Per la progettazione del visual abbiamo potuto attingere al materiale fotografico dell’Archivio Storico della CGIL, che ci ha consentito di utilizzare, quindi, direttamente le immagini delle manifestazioni a cui i pensionati avevano effettivamente partecipato, generando poi quell’effetto di “riconoscimento” che era, in fondo, ciò che cercavamo.

La strategia di comunicazione, infatti, partiva dall’assunto che i pensionati di oggi non fanno più riferimento all’immaginario della resistenza o dei partigiani, perché non hanno vissuto quegli anni. Fanno riferimento, piuttosto, al periodo 60-70, quello in cui i moti della contestazione studentesca si sono collegati alle lotte degli operai nelle fabbriche, dando vita alle trasformazioni che nel bene e nel male hanno contribuito a disegnare l’Italia di oggi.

A tal proposito abbiamo curato i testi e il progetto grafico e d’allestimento della mostra “Trasformazioni”, che ha come oggetto proprio i cambiamenti che ha vissuto il nostro paese negli ultimi 60-70 anni.

Infine abbiamo supervisionato la regia degli allestimenti, disegnando ogni elemento grafico utilizzato e tutte le clip video tematiche in motion graphic.



Allestire



Per Allestire, società che si occupa di progettare allestimenti, abbiamo progettato l’identità visiva, tutte le declinazioni del brand per ogni media, il sito web e un opuscolo attraverso cui promuovere l’azienda raccontandone i servizi.

↳ Guarda il sito web



Create your look!



“Luciana” è una prestigiosa e storica boutique di Bari che da oltre cinquant’anni seleziona i designer più esclusivi nel campo della moda: dai più famosi luxury brand fino ai talenti emergenti e prodotti di nicchia.

Per il suo store online abbiamo progettato il nuovo layout, rendendo l’esperienza d’acquisto quanto più semplice e immediata possibile. Inoltre il design, che si rinnova di stagione in stagione, come la possibilità di cambiare le palette cromatiche in linea con quelle che sono le ispirazioni della moda di stagione, si contraddistingue per l’utilizzo delle texture generative. Le texture sono riprese dal set di font “Donna Lucrezia” ispirate al disegno dei punti della macchina per cucire.

Abbiamo progettato anche il packaging e il copy per una “Thank you note” inserita all’interno dei capi acquistati attraverso l’e-commerce: l’interno scopriva un abito di carta modellato a origami, che al contempo diventava un ragalo per l’acquirente.



Pappa



“Pappa – very very food” è un ristorante speciale, dove il primo organo che si sfama non è lo stomaco, ma il cuore.

Questo è il concept sviluppato da FF3300: l’idea del comfort food viene rievocata sia dalla ristorazione, con piatti che scavano nei ricordi dell’infanzia, sia dall’atmosfera attraverso l’arredamento tipico e giocoso del design anni ’50.

Tutta la brand identity, fino ai menù parlano la lingua di quegli anni, dove il tempo era scandito da ritmi semplici: la scuola, il gioco e il buon cibo preparato da mamma.

Per questo le font sono corsive, grafia tipica dei primi anni di scuola e i supporti cartacei riportano alla memoria i “fogli protocollo” utilizzati per i compiti o i “registri di classe”, con tanto di errori e correzioni segnati con la penna rossa.



Speakeasy Bari



Lo Speakeasy Bari è un concept bar tenuto da due alchimisti, Vincenzo e Nicola, miscelatori leggendari.
Per loro abbiamo progettato identità e sito web all’avvio dell'attività e anno dopo anno nuovi concept per i menù food & drink.

L’offerta delle miscele è divisa in epoche storiche. Accompagniamo i “gaudenti” lungo un viaggio che passa dai Caraibi, agli US prima e dopo il Proibizionismo, fino ad arrivare all’Italia della Dolcevita.

↳ Visita il sito web



Velo Service



Velo Service si occupa di servizi turistici sostenibili su Bari e Lecce, organizzando tour ed escursioni con mezzi di trasporto a zero emissioni, come biciclette e rickshaw.

Dal 2008 la società è impegnata nella promozione di uno stile di vita consapevole e responsabile che chiama “bike concept”: si tratta di mobilità sostenibile a zero emissioni, organizzando attività ed eventi che vanno oltre l’uso della bicicletta.

Per Velo Service abbiamo progettato una strategia d’identità e storytelling digitale con una campagna social e un video promozionale del servizio cicloturistico, oltre che il sito web.

Il concept dell’identità è dato dalle tracce che le ruote delle biciclette imprimono sul suolo, al loro passaggio, da questo sono state disegnate una serie di texture, al contempo icone di tutto il sistema identitario.

Anche per il logotipo è stato scelto un carattere che potesse lasciare una traccia: lo stencil.



Format XY



Con il contributo dell’Iniziativa “Laboratori dal Basso”, azione della Regione Puglia, in collaborazione con PazLab, abbiamo realizzato nell’estate del 2013 un primo laboratorio gratuito di ricerca e co-progettazione dal titolo: “X, una variabile in cerca di identità” sul tema del design generativo e parametrico, tenutosi a Castrignano de’ Greci (Lecce).

I temi del laboratorio: il design generativo e dei processi, il design dell’interazione, la tipografia parametrica e le features tipografiche e la creazione di strumenti informatici.

Gli obiettivi del laboratorio: sviluppare almeno 3 tool informatici per il design della comunicazione e la tipografia; sviluppare la consapevolezza del ri-posizionamento della figura del designer della comunicazione; affrontare con strumenti teorici, metodologici e informatici la sfida della flessibilità e ampliare i propri orizzonti professionali e culturali, connettere in un unico gruppo realtà ed esperienza distanti, che non avrebbero altrimenti occasione di connettersi e relazionarsi; sviluppare una coscienza critica degli operatori che si relazionano con questo ambito: matematici, ingegneri, progettisti, designer, analisti, programmatori.

↳ Qui il report conclusivo del laboratorio

I nomi di alcuni docenti: Salvatore Zingale, Luciano Perondi, Mauro Bubbico, ecc

Un secondo laboratorio gratuito si è tentuto nell'estate del 2014, stessa cornice narrativa, nuovo titolo: “XYLAB”.

Le lettere X e Y identificano rispettivamente due laboratori di ricerca e co-progettazione sul tema del new publishing e del videomhacking.

I numeri raddoppiano rispetto la prima edizione, con il coinvolgimento di oltre 100 persone da tutto il mondo: da Iran, Australia, Giappone, Bulgaria, Germania e Francia.

Abbiamo condiviso con i partecipanti metodologie e tecnologie per rendere più efficienti segmenti produttivi già esistenti: abbassando i costi di produzione, stimolando l’autoproduzione come forma di auto-imprenditorialità e sviluppando capacità progettuali ibride, frutto della contaminazione tra diverse professioni, aprendo così a nuove opportunità.

I nomi di alcuni docenti: Salvatore Iaconesi e Oriana Persico, Alessio Erioli, Silvio Lorusso, ecc

XYLAB è un progetto realizzato da FF3300 assieme all'associazione INUIT, con il supporto di Pazlab.
Il project manager di X è stato Alessandro Tartaglia, il project manager di Y è stato Alessandro Balena.
Lucilla Fiorentino ha svolto funzione di assistant project manager e Letizia Indolfi funzione di segreteria organizzativa. Il team comunicazione è stato composto da Michele Bozzi, Marika Mastrandrea e Pippo Fuina.



Guglielmo Minervini – Primarie Regione Puglia



A sostegno della candidatura di Guglielmo Minervini alla presidenza della Regione Puglia nell’ambito delle elezioni regionali 2014 è nato il movimento politico “Open – La politica fatta in casa”.

Abbiamo progettato le strategie d’identità e storytelling e i modelli procedurali per gli output di comunicazione dalla nascita del movimento al termine dell’avventura primarie in Puglia.

Abbiamo curato la regia della comunicazione visiva, compresi gli allestimenti e i comunicati stampa, svolto attività di affiancamento e formazione dei giovani attivisti del movimento “Open” per la produzione degli allestimenti per gli eventi e la condivisione di buone pratiche per un’attività politica sostenibile.

In tal senso abbiamo realizzato una serie di gadget autoprodotti all’interno del comitato stesso: borse, magliette e ogni superficie stampabile sono diventati i supporti di una campagna “non convenzionale” realizzata artigianalmente.

La conseguente campagna per le elezioni ha avuto come titolo “La Forza” e l’hashtag è stato la cornice narrativa di riferimento: l’obiettivo era la costruzione di un’analogia tra la narrazione “star wars” e le primarie, oltre che la sottrazione dell’argomento “La Forza” all’avversario evidentemente più forte (anche fisicamente), Michele Emiliano. La Forza è anche un campo di energia generato da tutti gli esseri viventi che pervade l’universo e tutto ciò che esso contiene.

Per l’attività di monitoraggio dei competitors online abbiamo realizzato uno strumento informatico che analizza le conversazioni su Twitter e Facebook, pesandole secondo delle metriche.

Attraverso un pannello di controllo è possibile definire le metriche che ci interessa analizzare, il tipo di rappresentazione visiva dei dati e i soggetti da seguire.

Nell’ambito dei 3 mesi di campagna elettorale abbiamo progettato due spot video, uno su quanto fatto in 10 anni di amministrazione regionale e uno su ciò che Guglielmo Minervini avrebbe voluto fare come Presidente.

La campagna si è conclusa con un videomessaggio di appello al voto.

↳ Per approfondimenti sulla campagna
↳ Guarda tutti i video realizzati



Creattivamente



Creattivamente è il programma regionale per la promozione della mobilità sostenibile voluto dalla Regione Puglia.
Durante l’incarico abbiamo progettato servizi e prodotti indirizzati a diversi segmenti di cittadini.
Bike Friendly è un progetto sviluppato nell’ambito del programma regionale Creattivamente, dell’Assessorato alla Mobilità e alle Infrastrutture Strategiche della Regione Puglia.
Abbiamo disegnato un sistema d’identità per la rete dei servizi e dei percorsi ciclabili pugliesi, in un’ottica di promozione turistica degli stessi. È stata progettata anche un’app per il ciclo-turismo, all’interno di un più vasto progetto di promozione della mobilità alternativa.

Anche Cicloattivi@Scuola è un progetto sviluppato nell’ambito del programma regionale Creattivamente. Per sensibilizzare anche i più giovani al tema, è stato disegnato un kit per gli alunni delle scuole elementari, coinvolti attivamente nell'individuare e segnalare i percorsi pedonali e ciclabili casa-scuola.



Padiglione152



Il padiglione 152 della Fiera del Levante è il padiglione istituzionale della Regione Puglia. Ogni anno questo padiglione ospita una differente attività di comunicazione istituzionale dell’ente. Nel 2012 è stato il turno dell’Assessorato allo Sviluppo Economico della Regione Puglia.

Il progetto racconta l’incontro tra imprese e cittadini, e le possibilità che scaturiscono da questa interazione, stimolata, appunto, dalla Regione. Oggetto della rappresentazione e del racconto sono state le misure di finanziamento, le occasioni per imprese e cittadini, le politiche di sviluppo economiche.

L’incarico svolto prevedeva la progettazione di un sistema di senso che potesse accompagnare i visitatori durante la guida, raccontando ciò che è stato fatto e al tempo stesso informandoli circa le opportunità del “Sistema Puglia”.

Nel 2013 è stato il turno del sistema salute della Regione Puglia: tra consapevolezza alimentare, politiche della prevenzione, innovazione e ricerca al servizio dei cittadini. Oggetto della rappresentazione e del racconto sono stati i progetti e i servizi orientati allo sviluppo e al benessere dei cittadini, messi in campo dalla regione.



CraCra



CraCra è una società di design d’interni in cartone con base a Bari, per la quale abbiamo progettato un sistema d’identità, una strategia di promozione crossmediale e il sito web.

↳ Visita il sito



Hacktion



“Hacktion” è un progetto di riqualificazione urbana, centrato sul tema della rete e della pirateria informatica, promosso da Linkem S.p.a.

Nelle opere sono stati rappresentati temi e valori ispirati al network. Abbiamo realizzato un video-racconto della manifestazione, con alcune brevi interviste ai protagonisti. Nell’ambito del progetto di comunicazione è stata progettata un’applicazione web, che permetteva a ogni utente di disegnare il proprio Jolly Roger e condividerlo su web (il Jolly Roger è l’avatar della pirateria, ogni pirata ne aveva uno proprio ed unico).

Il progetto ha visto la partecipazione di 4 artisti stranieri e oltre 10 artisti nazionali, impattando su un luogo strategico e densamente frequentato, una via sulla quale affacciano quattro scuole superiori e il Politecnico di Bari, con ingresso della Facoltà di Architettura.



Index Urbis



“Index Urbis” è il titolo della Festa dell’Architettura di Roma, promossa e organizzata dal Comune di Roma, dall’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia e dalla Casa dell’Architettura di Roma. Il curatore della festa è il prof. Francesco Garofalo, coadiuvato dall’arch. Paolo Valente. Il progetto d’identità che abbiamo realizzato si basa su una serie di sovrapposizioni di lettere, a gruppi di 4.

Tale sovrapposizione, attraverso l’utilizzo del carattere tipografico “History” disegnato da Peter Biľak, rimanda a epoche storiche differenti, rappresentando la sedimentazione culturale effettivamente avvenuta nella città, nel corso dei secoli.

Abbiamo realizzato anche un tool informatico, per generare le molteplici configurazioni del visual, definendo in questo modo il sistema d’identità non sugli output ma sulle regole (in questo caso l’algoritmo) che li determina.



Public Camp



Il “Public Camp” promuove una serie di incontri tra i comunicatori pubblici della scena internazionale.

“Immaginificazioni sul futuro anteriore” è il claim dell’edizione 2010 ed è la capacità di osservare il futuro, partendo dal presente, e guardando ciò che domani sarà e che oggi ancora non è definito.

La scrittura e il colore si compongono miscelandosi su tre livelli di lettura che incarnano i tre momenti del processo di immaginificazione: l’oggi, il futuro auspicabile ed il futuro incerto.

Per la promozione dell’evento si è scelto di utilizzare come main content estratti e citazioni dei protagonisti. FF3300 ha fatto parte del comitato scientifico occupandosi della curatela.

Il progetto è stato sviluppato nell’ambito del Festival dell’Innovazione, promosso da ARTI e Regione Puglia, con il patrocinio di Unione Europea e Governo Italiano.



Meeting mondiale dei giovani



Il “Meeting mondiale dei giovani” è una manifestazione internazionale che promuove la cultura della partecipazione ai processi democratici e politici da parte dei giovani, favorendone l’incontro con le istituzioni e la politica.

Il concept della comunicazione si basa su due intuizioni: il cortocircuito semantico tra il mondo della politica e quello dei giovani (non codificabile) e la metafora che vede i giovani come degli “invasori indesiderati” dall’establishment.



Nichi Vendola – Regionali Puglia



Il progetto politico per le regionali pugliesi del candidato Nichi Vendola, nasce ancor prima della campagna stessa, ovvero dalla costituzione di una comunità: “Le fabbriche di nichi” con l’intento di promuove e difende la buona politica, un patchwork di esperienze e visioni. Obiettivo comune: costruire un paese migliore.
“La fabbrica di nichi” nasce per riavvicinare i giovani alla “res pubblica” e per sensibilizzare la popolazione sui temi programmatici della campagna di Nichi Vendola. Si tratta di una piattaforma orizzontale, liquida e partecipativa, dalla quale vengono lanciati progetti e azioni.

La campagna di comunicazione politica “La Poesia è nei fatti” è stata progettata in vista delle regionali 2010 in Puglia, per promuovere il progetto di un centrosinistra guidato da Nichi Vendola. L’obiettivo principale era quello di semplificare e rendere accessibili le informazioni su quanto fatto di buono nei primi 5 anni di governo e si basa su gerarchie d’informazioni per renderle più accessibili, icone per rappresentare i concetti, filastrocche per favorire la memorizzazione e dati per costruire un contesto.

“Eyjafjallajokull” è l’evento organizzato a due mesi dalla fine della campagna elettorale, per costruire la rete nazionale delle “Fabbriche di nichi”. Abbiamo curato il progetto e la realizzazione in loco, artigianalmente, della comunicazione visiva e del wayfinding, con una componente di racconto e linguaggio molto evidente, al fine di enfatizzare gli aspetti dell’identità visiva.



Festival Castel dei Mondi



Castel dei Mondi è un festival che promuove il teatro internazionale e locale di qualità tramite un programma di attività della durata di circa 10 giorni ad Andria (Puglia).

Abbiamo curato la strategia di comunicazione, il progetto d’identità visiva, le pubblicazioni editoriali, la campagna affissioni, i social media, i materiali di comunicazione cartecea, tre edizioni di una freepress appositamente progettata e realizzata, lo spot video e il sito web dell’evento.

Nell’ambito del progetto d’identità abbiamo realizzato un carattere tipografico modulare per la composizione del logotipo e per le applicazioni (texture, icone e mappe) del progetto d’identità come il wayfinding, la campagna affissioni, o i prodotti editoriali: una freepress, in 3 uscite ogni 15 giorni, prima, durante e dopo il festival ed il catalogo/programma della manifestazione.

Un festival differente. Non più immagini, ma immaginazione. Il festival delle parole, dei gesti, dei luoghi e degli odori. Un colore, quello del cielo, un profumo, quello della terra. Un racconto modulare: parole e segni si rincorrono e poi si fondono in un’esperienza, che prima di essere intellettuale, è fisica, emotiva e poetica.



Spaghetti Vespa & Typography



“Spaghetti Vespa Typography, a very Italian poster exhibition”, è il titolo di una mostra tenutasi all’interno dell’evento Budapest Design Week 2010 che riunisce 20 graphic designer italiani contemporanei ai quali è stato chiesto di raccontare il proprio paese, l’Italia, con un poster.

La nostra idea parte dal presupposto che l’Italia è un posto stupendo, dove spesso si lavora per la fama e si muore di fame.

Partendo da questa considerazione, ci siamo resi conto che la parola “fame” ha una duplice valenza linguistica, in italiano e in inglese.

Significa appunto “fame” e “fama”. Una parola, vera, scritta in Futura, ma fatta di pane. Consumata e vissuta, come indica il riferimento all’atto della scarpetta.

Ma anche una contraddizione, un’ambiguità.



Jump – Festival internazionale di graffiti



Il Jump è un festival internazionale di graffiti, che si tiene a Terlizzi, in provincia di Bari. Il festival è stato organizzato per 4 edizioni.

FF3300 in collaborazione con lo studio LALALAB e alcuni cuochi volontari, ha curato la direzione artistica, il progetto di comunicazione e lo spot video della manifestazione.



Graphic Design Worlds



FF3300 ha partecipato alla mostra “Graphic Design Worlds”, presso la Triennale di Milano, a cura di Giorgio Camuffo.

Questo è il progetto grafico che lo studio ha realizzato per l’esposizione.
Scopo del progetto è raccontare la visione della professione e la metodologia con la quale vengono sviluppati i nostri lavori.



VianDante



“VianDante” è il nome dello spettacolo interpretato dal trombettista jazz e compositore Vincenzo Deluci, tenutosi all’interno delle Grotte di Castellana.

Il concept ha per oggetto la visualizzazione della composizione musicale, modulata su due impianti, metafore dell’Inferno e del Paradiso.

Sono stati progetti il visual e le clip video dell’evento.



Le Gènie des deux Siciles



Circa 50 designer del sud Italia sono stati selezionati per mettere in mostra il loro “Genio” a Palermo, con una mostra dal titolo Il “Genio delle due Sicilie” all'interno della manifestazione internazionale Palermo Design Week.

La stessa mostra “Le Gènie des deux Siciles” ha avuto luogo anche a Parigi, a Place du Panthéon.

I tre poster sono stati progettati per raccontare il nostro lavoro di produzione di senso e costruzione di immaginari.



Act for culture in Europe



La campagna lanciata dalla Culter Actione Europe con il supporto dell’European Cultural Foundation dal nome Act for culture in Europe ha come obiettivo rafforzare il riconoscimento del ruolo delle arti e della cultura nello sviluppo sociale, con l’intento di sensibilizzare al tema le politiche dell’Unione Europea.

Questo messaggio è stato sestenuto anche da una raccolta firme, che sono state riportate all'interno di un poster, disegnato per l’occasione da FF3300.

Il progetto è stato successivamente presentato a Bruxelles, nell’ambito della cerimonia finalizzata alla consegna delle firme, durante la conferenza “Team Culture”, evento di punta della Presidenza Danese.



Linkem – Wireless Revolution!



La campagna di comunicazione online di “Linkem Wireless Revolution” è stata costruita secondo una logica modulare.

Ha come obiettivo la creazione piccole pillole, veri e propri tutorial, capaci di rispondere alle domande più comuni degli utenti, e quindi abili a diffondersi nella rete.

I video sono stati progettati all’interno di una strategia di comunicazione rivolta alla nascente community online di Linkem, in particolar modo per gli utenti della pagina corporate su Facebook.



Rapporto KET



Questo volume, di divulgazione scientifica, raccoglie i primi risultati dell’indagine sperimentale avviata dall’ARTI alla fine del 2013, volta alla conoscenza diretta dei protagonisti in Puglia della produzione di know–how e degli utilizzatori produttivi delle tecnologie abilitanti, considerate strategiche dalla Commissione Europea.

Il nostro lavoro si è concentrato sulla creazione di un progetto editoriale chiaro, sulla definizione di elementi grafici caratterizzanti (le texture) e sulla realizzazione delle visualizzazioni dei dati.



BeMyApp



Oltre 750 i presenti nel padiglione 81 della Fiera del Levante di Bari per la prima tappa di BeMyApp Italy, la maratona per lo sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili di ultima generazione, i cui partecipanti hanno condiviso quasi 30 idee e sviluppato 10 nuove app.
Il progetto è stato curato in collaborazione con Laboratorio Orfeo.

Per la promozione dell’evento abbiamo lavorato sull’umanizzazione delle app, per spiegare a tutti come funzionano e cosa significa progettarne una.
La prima app è Shazam, seconda è Google Maps e la terza è Instagram.



Bersani



FF3300 ha sviluppato un piano annuale per la strategia, l’identità e gli strumenti di comunicazione, finalizzato al riposizionamento dell'immaginario del Partito Democratico Nazionale.

Quindi allo sviluppo di una nuova identità visiva e alla costruzione di una “community” del Partito Democratico.

Durante il servizio abbiamo svolto anche consulenza finalizzata alla formazione dei militanti, tenendo workshop e lezioni frontali, oltre ad aver sviluppato gli strumenti di comunciazione, tra cui il carattere tipografico “Divenire” e le features.

La campagna primarie Bersani 2013 è basata sull’idea di rimettere al centro le parole, le idee. Il concept prevedeva la traduzione della carta d’intenti in una serie di tipogrammi, poi utilizzati come main frames della campagna.

Queste parole chiave sono state generate utilizzando un tool informatico appositamente progettato per la generazione parametrica di features tipografiche.

Dopo aver vinto le primarie, il nostro incarico per la campagna elettorale 2013 è consistito nell’attività di accompagnamento e formazione di un gruppo di militanti digitali, sotto il nome di: 300 Spartani.

Questi ragazzi si sono resi protagonisti di una campagna “un-branded” che ripercorreva gli avvenimenti di quei giorni con ironia, trasfigurando gli attori della kermesse politica nei personaggi della saga di Batman.

Il lavoro svolto per il Partito Democratico si è basato sui risultati di un processo di raccolta dati, analisi e sviluppo strategia, svolto in accordo e collaborazione con la segreteria nazionale del PD.

↪ I questionari somministrati alla segreteria del PD

↪ I risultati dei questionari



Divenire



Divenire è il carattere disegnato per il Partito Democratico e distribuito dalla fonderia tipografica digitale Cast.

La font ha delle variazioni di tensione nel disegno, alterna forme curve a elementi piuttosto duri.

Il progetto si basa sull’analisi dei risultati prodotti da oltre 100 questionari molto dettagliati, fatti compilare a tutta la segreteria nazionale del PD.

La lista glifi include diverse alternative come un set di punti d’interpunzione, tra i quali c’è il famoso “punto esclarrogativo”, derivato dal lavoro di Hervé Bazin.

Il nostro lavoro è stato orientare il disegno, realizzato in collaborazione con Luciano Perondi, connotandolo in termini di gestalt e percezione visiva.
↳ Ulteriori informazioni
↳ Il Divenire



Circuito D’Autore



Circuito D’Autore è un progetto della Fondazione Apulia Film Commission, che promuove il cinema nazionale e internazionale di qualità tramite un circuito di sale cinematografiche su tutto il territorio regionale.

Abbiamo curato la strategia di comunicazione, il progetto d’identità visiva, le pubblicazioni editoriali, la campagna affissioni, i social media, i materiali di comunicazione cartecea, due pubblicazioni speciali, gli allestimenti delle 21 sale su tutto il territorio regionale, il sito web e l’applicazione mobile.

Nell’ambito del progetto d'identità abbiamo realizzato un tool in processing per la generazione delle configurazioni del logotipo e per l’applicazione del trattamento tipografico. Abbiamo sviluppato il nuovo design editoriale per l’house organ del circuito, optando per una standardizzazione del formato e delle lavorazioni, sulla quale abbiamo declinato il progetto d’identità.

“Azione/Reazione” è l’incipit di una strategia di coinvolgimento delle persone e delle comunità. Il processo abbraccia una serie di attività: la rassegna, la pubblicazione, il feedback e un’ulteriore pubblicazione. Chi segue la rassegna riceve una pubblicazione, con 7 foto e 7 citazioni.

Nella pubblicazione sono contenuti dei fogli sciolti, preposti alla raccolta dei feedback da parte degli spettatori durante la rassegna. Il Circuito utilizzerà i feedback così raccolti per un’ulteriore pubblicazione chiamata Reazione/Azione.

“Reazione/Azione” è la pubblicazione che chiude il progetto “Azione/Reazione”: una raccolta di esperienze e percezioni sul cinema e l’arte in generale, firmato dal pubblico D’Autore e contenente le preziose immagini dell’artista Halim al Karim.

Abbiamo inoltre progettato un’azione di comunicazione per promuovere “Le vacanze intelligenti”, la rassegna cinematografica estiva di D’Autore.



Festival dell’Innovazione



Innovare vuol dire riuscire a intuire il futuro prossimo, ma anche determinarlo. Nel presente sono contenuti i semi dei futuri possibili. Significa riuscire a vedere il futuro, o uno dei futuri possibili, attraverso il presente. La chiave di questo è la capacità d’interpretazione della realtà che si traduce in un claim molto semplice e lineare: “vedere il futuro attraverso il presente”.

Tra le possibilità emerse durante la fase di ricerca ci siamo focalizzati sullo studio degli effetti ottici che permettono di “vedere attraverso”.

Il progetto d’identità si basa sul cosiddetto “effetto di Moiré”, un fenomeno visuale che si verifica attraverso la sovrapposizione di due livelli:

→ un primo livello (A) con un’iper immagine, ovvero una rappresentazione che è funzione di N immagini, composte secondo un algoritmo;
→ un secondo livello (B) con una griglia di pieni e vuoti verticali.

Quando il livello B viene mosso, copre e scopre delle porzioni del disegno sul livello A, che è progettato secondo una logica di “frame”.

Questa interazione attraverso i 2 livelli genera la percezione di un’immagine in movimento.

L’iper immagine rappresenta il presente, che contiene i futuri possibili. Il secondo livello (la griglia) è la chiave, l’interpretazione. L’interazione di questi due livelli genera l’effetto di moiré, ovvero la possibilità di vedere il futuro attraverso il presente: l’oggetto della nostra narrazione.

Nei mesi precedenti al festival c’è stato un roadshow di presentazione nei capoluoghi pugliesi, per raccontare, attraverso alcuni talk e delle installazioni, quello che sarebbe stato, poi, il festival. All’interno del festival abbiamo curato la selezione degli ospiti e gestito direttamente la zona del laboratorio di making, coinvolgendo Salvatore Iaconesi, Oriana Persico, Giovanni Bindi e Giacomo Leonzi, oltre che Barimakers e Veloservice.

Infine abbiamo realizzato una “stampante di cocktail”, costruita con elettronica open source, materiale di riuso (stampanti, mouse, legna), un paio di motori e una bottigliera acquistata in un negozio cinese.

La qualità dei drink è data dalla calibrazione, effettuata con un professionista barman.



15 anni di Edilportale



Edilportale è il primo portale d’informazione tecnica per l’edilizia italiana. La più autorevole e completa fonte gratuita di notizie, normativa tecnica, prodotti e materiali edili, appalti, concorsi, libri, software, offerte di lavoro, prezzari del settore edilizia e costruzioni.

Per Edilportale abbiamo progettato la comunicazione visiva per l’allestimento della stazione di Rho Fiera a Milano in occasione di MADE expo 2015, in questo stesso anno Edilportale festeggiava 15 anni di attività.

Il progetto è basato su una serie di texture che affiancano il sistema d’identità dell’azienda.



Sistema Museale Ugento



Il Sistema Museale della città di Ugento è un percorso integrato che comprende il Nuovo Museo Archeologico, la Collezione Archeologica “Adolfo Colosso”, il Complesso Monumentale della Cripta del Crocifisso e la Chiesa della Madonna di Costantinopoli.

Ne abbiamo progettato l’identità visiva, realizzando un carattere tipografico generativo, le pubblicazioni editoriali e la pannellistica interna.

Per il Sistema Museale della città di Ugento abbiamo sviluppato un progetto d’identità focalizzato sulla rappresentazione del territorio e della sua storia. La scrittura è stata il codice visivo che ci ha indicato la strada, essa infatti conserva al suo interno gli elementi costitutivi della memoria, ossia il passaggio della cultura messapica, greca e latina.

Abbiamo realizzato un sistema tipografico, il Messapia che consente di comporre il testo in “n” varianti di glifi per ciascuna lettera (con più di 11.000 combinazioni univoche di glifi).

Le configurazioni sono state individuate a seguito di una ricerca iconografica su tutte le iscrizioni del territorio.
Il Messapia non ha uno scopo “filologico”, ma vuole evocare le stratificazioni culturali del territorio.

↳ Qui trovate un approfondimento sul Messapia

Il catalogo del Sistema Museale con la brochure e la guida al Nuovo Museo Archelogico sono le pruduzioni editoriali realizzate per questo progetto.



ZAC!



Durante le elezioni amministrative, concluse con la vittoria del candidato Francesco Zaccaria alla carica di sindaco, abbiamo avuto l’occasione di misurarci con un contesto relativamente piccolo rispetto alle campagne nazionali e regionali alle quali abbiamo lavorato in precedenza, nel quale è stato possibile sperimentare processi inediti: il comune di Fasano è una realtà territoriale caratterizzata dalla presenza di diverse frazioni, anche molto popolose.

Il “key-frame” della campagna è “diamo un taglio al passato” in associazione all’onomatopea “ZAC!” (che è anche il diminutivo con cui molti si rivolgono a Francesco Zaccaria). Altro elemento centrale è l’utilizzo della “Z” come simbolo (meme) del candidato e segno di discontinuità rispetto ai tredici anni di governo precedenti. Infine, l’ultimo elemento distintivo della campagna è il colore giallo, solitamente lontano dall’iconografia del Partito Democratico.

La competizione ha coinvolto cinque candidati: il sindaco uscente, un candidato del polo civico, un candidato vicino all’area ex UDC, un candidato in quota al Movimento 5 stelle, e infine Francesco Zaccaria, espressione della coalizione di centro sinistra, scelto come candidato attraverso il processo delle primarie.
Stando alle misurazioni iniziali, il sindaco uscente era dato in calo, il candidato del polo civico era dato per favorito (avendo iniziato la campagna elettorale in anticipo e avendo causato la caduta dall’ex giunta comunale), il candidato del Movimento 5 stelle era dato in rapida ascesa, in linea con il trend nazionale. In sostanza, la campagna partiva in affanno e con parecchio terreno da recuperare.

Durante la campagna ci siamo occupati della progettazione degli artefatti di comunicazione ma anche, più in generale, della strategia, del ghost writing (interviste), della facilitazione dei processi di partecipazione (la creazione del programma) e della pianificazione mediatica degli output di comunicazione.
In particolare, abbiamo progettato e curato il processo di co-progettazione del programma politico del candidato, mixando strumenti digitali, come form e piattaforme di scrittura collaborativa e metodologie tradizionali, quali incontri e dibattiti.
Il risultato è stato un opuscolo chiaro e sintetico, frutto del pensiero di centinaia di persone e di decine di ore di lavoro in team, che è stato distribuito in allegato alla principale testata d’informazione della città. Durante la progettazione del fascicolo abbiamo coinvolto Marco Goran Romano per la realizzazione di un’illustrazione utilizzata sia per l’opuscolo, sia come manifesto, accompagnata dal claim “Fasano 2016, tutta un programma!”.

Per supportare la campagna sono stati progettati anche una serie di gadget: spillette, adesivi, palloncini, che riprendevano la “Z”, l’onomatopea “ZAC!” e il simbolo delle forbici, elementi replicati anche all’interno del comitato elettorale.

Abbiamo inoltre seguito e facilitato un team di volontari nella realizzazione di un video-messaggio di appello al voto, coordinandone la progettazione.



Spi Puglia



Nell’ambito delle attività di comunicazione finalizzate al tesseramento nell’anno 2017/2018 ci è stato chiesto di progettare delle attività di comunicazione per lo Spi Cgil Puglia.

“Carosello” è una rassegna di eventi tra socialità, cultura, salute e intrattenimento nelle piazze delle principali città pugliesi organizzata per il Sindacato Pensionati CGIL Puglia, dedicata ai pensionati e alle loro famiglie.

“Carosello” parte dalla volontà di riposizionamento con lo scopo di portare lo Spi in piazza, lavorando sui legami deboli e forti che tengono assieme le comunità locali.

Sono state analizzate le condizioni degli anziani in Puglia, evidenziando alcune problematiche comuni ai diversi territori. Queste problematiche sono state “rovesciate” per diventare lo stimolo che identifica le possibili strade atte a migliorare la situazione iniziale.

Una mobilitazione finalizzata alla creazione di legami di comunità basati su pratiche condivise: “Carosello” è l’incipit di un percorso di valorizzazione del tessuto civico e associativo del territorio, attraverso la costruzione di una rete.

“Vitamina Spi – L’antitodo contro la sindrome dell’inutilità”, invece è una campagna ideata per raccontare, attraverso la metafora virtuosa della vitamina, le attività del Sindacato che aiuta gli anziani ad affrontare la terza età.

Abbiamo progettato il packaging e il contenuto della scatola.



Frantoio Cupertino



La storia di frantoio Cupertino comincia in una masseria pugliese alla fine dell’800, quando per tradizione ed esigenza le famiglie usavano fare con le proprie mani tutto ciò che serviva per vivere.
L’intuito non ha mai abbandonato la famiglia Cupertino e se un tempo la produzione industriale era sinonimo di qualità, oggi la quarta generazione crede fermamente che un olio speciale nasca dal recupero delle tradizioni artigianali.

I valori sono autenticamente culturali, prima che “di business”: diffondere l’extravergine, avvicinare le persone e raccontare loro che è una delle eccellenze pugliesi, che è straordinariamente buono e molto importante per la salute.
Per Frantoio Cupertino abbiamo curato il restyling della brand identity, lo storytelling e il copy, le etichette e il packaging della prima linea d’olio extravergine le “spremute fruttate” e il sito web.



Futuro. Non si dice, si fa



“Futuro. Non si dice, si fa.” è lo slogan scelto per la festa di LiberEtà, il mensile dello Spi CGIL.

Non a caso, luogo della festa è stata una delle città che sta guidando importanti processi di trasformazione: Milano, con la riqualificazione delle periferie, la trasformazione urbana e sociale, i nuovi servizi, le infrastrutture e tanto altro. La festa si è dislocata infatti in più sedi: Mudec – Museo delle Culture, BASE Milano, Fondazione Feltrinelli e Camera del Lavoro di Milano.

Per questo lo Spi Cgil è andato laddove il cambiamento, tecnologico, sociale e urbano, è più evidente che altrove. Un cambiamento che tocca, tra le cose, la vita di tanti anziani.

Lo Spi vuol essere un sindacato “d’avanguardia” che dialoga con le giovani generazioni e al passo con le grandi rivoluzioni.

Questo posizionamento è stato tradotto nel visual della manifestazione: una composizione che, tra luci e ombre, cerca di descrivere un’idea di futuro che cambia continuamente.

L’esortazione dello slogan, ha avuto modo di compiersi con un atto pratico: tutti gli allestimenti sono stati prodotti con il supporto del fablab di WeMake Milano, un centro di produzione che sfrutta le tecnologie della manifattura digitale per rendere l’innovazione alla portata di tutti.



Campagna di tesseramento Spi



Per la campagna di tesseramento 2017 dello Spi Cgil sono stati messi in campo, dati alla mano, i temi principali su cui si è concentrata l’azione del sindacato e per i quali sono stati ottenuti risultati concreti. Lo scopo è stato quello di camunicarli in maniera chiara, diretta, incisiva e di rendere i cittadini coscienti e informati sulle loro posizioni previdenziali.

A completamento della campagna è stata progettata una brochure di approfondimento e supporto sul tema delle pensioni, sviscerando in maniera semplice ma esaustiva ogni punto utile alla corretta informazione del cittadino in pensione o pensionando. Un altro opuscolo invece, spiegava ai pensionati come recuperare tutte quelle somme di denaro chiamate i “diritti inespressi”.

Il progetto del sito pensionati.it, oltre a raccogliere tutte le informazioni delle pubblicazioni, offre la possibilità agli utenti di scoprire se hanno diritto alla quattordicesima direttamente dal browser.

Tutta la campagna è stata sostenuta da un piano crossmediale di promozione digitale sul web.



Noi – Report Spi



Abbiamo progettato il bilancio d’attività del Sindacato Pensionati della CGIL, disegnando il prodotto editoriale nella sua interezza.

Il concept è il costante parallelo tra il “prima” ed il “dopo”, tra ciò che c’era al momento in cui questa segreteria ha iniziato il proprio lavoro e ciò che ha fatto nel corso della propria attività.

Nel corso del progetto è stato sviluppato anche un video in motion graphic, che declinava sul medium video, i contenuti della pubblicazione.



Freeeat



Freeeat è l’applicazione per chi, pur essendo soggetto a allergie o patologie, non vuole rinunciare a una cena fuori con gli amici.
Per questo progetto abbiamo curato il naming, la brand identity e il disegno (user experience e user interface) della applicazione mobile e del sito web.

↳ Visita il sito



Barproject



Barproject Academy è una società che si occupa di cultura del bartending attraverso formazione, consulenza ed eventi, per la quale abbiamo progettato strategia di comunicazione, identità e sito web.

Il sistema d’identità è generativo e lavora in analogia con il processo compositivo di un cocktail, seguendo regole precise provenienti dal mondo della miscelazione: il risultato finale è frutto della miscelazione di basi alcoliche, gusti e bicchieri differenti.

↳ Il software è open source, lo trovate su bitbucket
↳ Se volete provare il software di composizione potete farlo direttamente dal browser

Il disegno delle texture e dei caratteri è frutto di un lavoro di raccolta dati, attraverso dei questionari, per configurare le forme in modo tale da renderle pertinenti con le percezioni: vista, gusto e olfatto, suscitate dai diversi sapori e basi alcoliche, secondo un approccio di tipo sintestetico.



Manifestazioni Sindacato Pensionati



Per le manifestazioni Il Sindacato Pensionati CGIL si è dato una serie di obiettivi:
→ Rendersi visibili e attirare l’attenzione dei media
→ Emergere come punto di riferimento dei pensionati italiani
→ Manifestare forza organizzativa e politica
→ Riposizionare l’idea di sindacato nell’immaginario collettivo
→ Provare a parlare alle nuove generazioni
→ Costruire consenso attorno all’antifascismo

Analizzando preventivamente la natura dei soggetti promotori della manifestazione e le caratteristiche dei suoi partecipanti si è dedotto che:
→ C’era un grande rischio di ridondanza e retorica nei messaggi
→ La presenza del centro-sinistra riunito avrebbe catalizzato l’attenzione dei media
→ Il rischio di tensioni o contestazioni avrebbe anch’esso catalizzato l’attenzione dei media

Si è quindi convenuto che per raggiungere gli obiettivi che ci si era dati si rendevano necessari:
→ Molteplicità e varietà di strumenti comunicativi da adottare
→ Modulazione di messaggi e strumenti in base ai pubblici che si desiderava raggiungere
→ Ironia, fantasia e impatto degli slogan



spi.cgil.it



Tra la fine del 2018 e l’inizio del 2019 abbiamo avuto l’incarico di riprogettare il sito web del Sindacato Pensionati CGIL.

Il processo si è svolto in tre fasi:
→ una fase di analisi dell’esistente
→ una fase di progettazione ux/ui
→ una fase di sviluppo informatico e debug

Il nuovo sito web è strutturato in modo da dare ampio spazio alle notizie istituzionali, fornire informazioni chiare e sintetiche sul sindacato (chi siamo? cosa facciamo? dove siamo?) e una ricca sezione di domande frequenti.

Abbiamo inoltre messo a punto una sezione risponde l’esperto in cui è possibile, per pensionati e pensionandi, porre domande in materia di previdenza al team di esperti del sindacato.

Particolare degno di nota è la sezione dove siamo in cui è possibile trovare tutte le sedi del Sindacato con l’elenco dei servizi che può fornire ai tesserati.

↳ Visita il sito



Bue Marino



“Bue Marino – restaurant & wine bar”, ristorante nel centro storico di Bisceglie, accoglie i propri ospiti in un immaginario fantastico nel quale due specie animali distinte, appartenenti alla fauna marina e a quella terrestre, si fondono in esemplari unici e affascinanti.

Se da una parte il nome “Bue Marino” identifica luoghi, in particolare grotte, presenti sulle litoranee del sud Italia, scientificamente l’etimologia della parola fa riferimento a un mammifero acquatico dell’ordine dei sireni.

Al contempo, se prese alla lettera, le parole bue e marino mescolano e oppongono due tipologie di animali differenti.

Su questo fraintendimento abbiamo creato una serie di chimere, dove il soggetto principale è il bue che si combina di volta in volta con animali acquatici tipici del mediterraneo.



SBAM



SBAM è un programma triennale interassessorile per l’“educazione ai corretti stili di vita”, promosso dalla Regione Puglia.

Abbiamo progettato il sistema d’identità basato sull’onomatopea “SBAM” che può essere composto in modo combinatorio e generativo. È stato anche manomesso un carattere tipografico con tutte le (mezze) lettere e il sistema di baloon modulari per gli sfondi.

La pubblicazione promuove l’attività motoria nelle scuole primarie e insegna ai bambini e ai loro genitori, i corretti stili di vita, a partire da una sana alimentazione.

Alcuni testi della pubblicazione sono stati scritti con la font “Italica”, che riproduce il corsivo italico sviluppato per insegnare ai bambini a scrivere con semplicità e sicurezza. “Italica” è un progetto realizzato da Monica Dengo, Laura Bravar e Riccardo Olocco.



Nòva



Nòva è un centro culturale, nonché community hub giovanile, sito nell'ex caserma Passalacqua, a Novara.

Il progetto di comunicazione si è articolato in quattro momenti, relativi a:
• analisi e strategia
• identità visiva e branding
• sito web
• allestimento spazi interni

Inizialmente abbiamo elaborato una survey e l'abbiamo somministrata a tutti i coordinatori delle diverse realtà che costituiscono la rete di progetto, successivamente abbiamo analizzato i dati raccolti e proposto una strategia di comunicazione — presentazione concept.

Una volta definito un concept condiviso con la rete di progetto abbiamo lavorato per costruire un sistema di identità flessibile e dinamico. L'idea era che fosse necessario un vero e proprio "linguaggio" per accompagnare e rappresentare la straordinaria molteplicità di contenuti e iniziative che il progetto ambisce a realizzare.

Per costruire tale sistema d'identità abbiamo adottato una metodologia progettuale aperta generativa, focalizzata più sulla definizione di procedure e parametri che di strutture e output. Il software utilizzato per la creazione del carattere tipografico è il GTL (https://github.com/bbtgnn/GTL) ovvero "Generatore Tipografico di Libertà", un software open source realizzato durante il laboratorio XYZ2018 a cura de La Scuola Open Source.

Con questo strumento abbiamo definito un sistema aperto e combinatorio, che oltre alle lettere prevede texture e quarti di esplosioni.

Nòva è energia e imprevedibilità, questo è ciò che abbiamo provato a restituire attraverso il progetto del sistema d'identità: le texture, così come i quarti di esplosioni, possono combinarsi liberamente creando composizioni sempre diverse e dinamiche, che attraverso la dimensione temporale sembrano prendere vita.

Infine, una volta definito il sistema in ogni sua parte e progettate le declinazioni, abbiamo disegnato e sviluppato il sito web www.nòva.com e il progetto di allestimento per gli spazi interni.



LifeWatch



LifeWatch è un’infrastruttura europea virtuale di ricerca sulla biodiversità e sugli ecosistemi, dislocata su tutto il territorio europeo.
La capacità di LifeWatch è facilitare la condivisione e l’aggregazione dei dati, la loro integrazione e analisi, mediante modelli avanzati. Tutto questo per riuscire a comprendere quelli che saranno i futuri ecosistemi e quella che sarà l’organizzazione e la conservazione della biodiversità. Questi scenari saranno utili ai responsabili politici e ai cittadini per prendere decisioni migliori.

LifeWatch intende lo studio sulla biodiversità e sugli ecosistemi come un “bene comune” dei cittadini e per i cittadini, cercando di rafforzare la cultura dell’ecologia, portando a conoscenza dei giovani il mondo della ricerca scientifica.

LifeWatch funge anche da raccordo con tutta una comunità di utenti: dai ricercatori, ai politici, agli amministratori, alle aziende fino ad arrivare ai comuni cittadini.
Come? Analizzandone le esigenze, fornendo strumenti e servizi, rendendo disponibili ambienti virtuali di ricerca completamente disegnati sulle richieste degli utilizzatori, offrendo programmi di e-training, sviluppando iniziative a sostegno della formazione di giovani ricercatori con particolare attenzione alla valorizzazione del capitale umano, promuovendo azioni di citizen science e fornendo strumenti per sostenere i decisori pubblici nelle politiche di gestione della biodiversità.

Lo abbiamo raccontato in questo video.



Fermenti



L’oggetto di questa misura è la valorizzazione della capacità trasformativa dei giovani, attraverso la quale il governo prova a stimolare una strategica componente sociale a prendere parte, attivamente, alla costruzione del futuro dell’intera società.

I giovani sono agenti mutageni. La nostra idea consiste nel rappresentare l’azione di trasformazione dei giovani sulla realtà attraverso l’analogia con il processo di fermentazione, che trasforma la materia (ad es. il mosto) conferendole valore.

-> dal lat. fermentum, der. di una radice affine a fervēre «bollire, essere in moto»

QUESTA AZIONE È UN PROCESSO SPONTANEO, ’DAL BASSO’, CHE SI MANIFESTA GRAZIE A UNA REAZIONE CHIMICA CHE LIBERA ENERGIA E PRODUCE IL CAMBIAMENTO. L’OGGETTO DELLA RAPPRESENTAZIONE È LA DINAMICITÀ, IL RIBOLLIRE, QUEL MOVIMENTO EMERGENTE CHE COMUNEMENTE, IN RELAZIONE ALL’AZIONE DI ATTIVAZIONE GIOVANILE, VIENE CHIAMATO ’FERMENTO’.

La brand identity è basata su un “effetto di senso” tipografico, ovvero su una manomissione della forma del testo che ha lo scopo di potenziare la capacità di significazione dell’artefatto di comunicazione, aggiungendo layer di senso alla composizione per sviluppare l’analogia visiva.

Questo “effetto di senso” è stato tradotto in istruzioni che il computer potesse comprendere, attraverso la codifica in processing abbiamo quindi realizzato un software parametrico che ci consente di modulare il progetto di comunicazione.

Ad esempio sarà possibile utilizzare lo stesso “trattamento” anche su altre parole (funzione utile per adv, social e affissioni) o su pittogrammi / simboli.

Il logotipo è parametrico, questo significa che non c’è “un logotipo”, ma una pluralità di configurazioni possibili, che ci permettono di usarlo sempre in modo diverso, come se l’identità “fosse viva”.

I colori individuati sono 5 e coprono l’intero spettro dei colori visibili dall’occhio umano. Le tonalità scelte sono caratterizzate da un reciproco equilibrio.

Abbiamo disegnato cinque icone che hanno lo scopo di rappresentare in forma sintetica le corrispondenti aree tematiche della misura di finanziamento:

→ uguaglianza per tutti i generi
→ inclusione e partecipazione
→ formazione e cultura
→ spazi, ambiente e territorio
→ autosufficienza, welfare, benessere e salute

L’effetto di senso progettato è stato declinato anche per la generazione di pattern e texture, che rappresentano uno strumento potente nella prospettiva dello sviluppo di un linguaggio visivo capace di catturare la percezione dell’audience.

Per questo abbiamo scritto un secondo programma in processing, secondo la medesima logica del primo, questa volta però lavorando sulla costruzione di gruppi di elementi “random” invece che sul disegno dei vettori che descrivono le lettere.

Le texture possono essere stampate in 2 modalità:
→ campitura piena
→ campitura sfumata

Nel corso del progetto di comunicazione abbiamo curato la direzione creativa dello spot video realizzato da HubNormal Films e la gestione dei canali social (Facebook e Instagram).






La Scuola Open Source


##La Scuola Open Source è un luogo dedicato all’innovazione, sociale e tecnologica, dove svolgere attività didattiche, culturali e di ricerca: #☛ un hackerspace dove persone con interessi comuni nei campi dell’artigianato, tecnologia, scienza, arti visuali e poetiche, editoria, robotica, domotica, biologia ed elettronica e non solo, possano incontrarsi, socializzare e/o collaborare; #☛ un centro di promozione del riuso in cui si svolge un servizio di raccolta per oggetti con tecnologia obsoleta ne di promuoverne un riuso intelligente; #☛ un FabLab una piccola o cina che offre servizi personalizzati di fabbricazione digitale, dotato di una serie di strumenti di prototipazione (stampa 3d, taglio laser, etc.).

X – Una variabile in cerca d'identità

Laboratorio di ricerca e co-progettazione, nel campo del design della comunicazione. 18 agosto - 2 settembre 2013 @ Castrignano de' Greci (Lecce) con 12 docenti, 8 tutor, 40 partecipanti – accesso libero e gratuito. Realizzato con il contributo di Laboratori dal Basso, bando della Regione Puglia cofinanziata dalla UE attraverso il PO FSE 2007–2013.


XYLAB

Laboratorio di ricerca e co-progettazione, due variabili: X - “New Publishing”, Y – “Videomhacking”. 17 – 31 luglio 2014 a Castrignano de' Greci (Lecce) con 20 docenti, 8 tutor, 66 partecipanti – accesso libero e gratuito. Realizzato con il contributo di Laboratori dal Basso, bando della Regione Puglia.


Partecipazione al Bando CheFare

Inizia un percorso di ricerca e creazione di comunitá, che include il “tour cheFare” - 5 giorni per promuovere il progetto SOS con tappe presso ISIA Firenze, ISIA Urbino, Politecnico di Milano, Fablab Torino.


Vittoria del Bando CheFare

Vittoria del bando cheFare con assegnazione di 50mila € con encomio pubblico da parte della giuria: “Si tratta di una proposta solida, coraggiosa, visionaria, ed è espressione di molte anime e competenze che possono dare una spinta importante all’evoluzione di un territorio difficile. Attiva e integra reti locali e reti internazionali, la componente di ricerca e quella di impresa, di educazione e formazione, e di coesione sociale, mantenendo un focus forte sull’apprendimento. È proiettata nel futuro, con solide radici nel territorio e nel saper fare. Vivi complimenti da tutta la giuria”.


Costituzione del soggetto giuridico

Costituzione de La Scuola Open Source s.r.l.


lo statuto


Nasce La Scuola Open Source

L’idea della scuola è l'evoluzione non-lineare dell’esperienza di X e XYlab: la sfida è consistita nel rendere il modello non più “episodico” ma stabile, elaborando modelli di business e interloquendo con le istituzioni locali (sia a livello comunale che a livello regionale). C'è stata poi l'aggregazione di nuove forze e nuovi partner, come l'associazione Barimakers e 3dNest: avevamo obiettivi e interessi comuni, oltre ad aver anche essi organizzato e tenuto eventi, laboratori e workshop per diffondere la cultura maker (tra cui i 2 Makers Meeting tenutisi a Bari nel 2014 e nel 2015). Pur trattando due ambiti differenti (design noi, ingegneria molti di loro), ci siamo “riconosciuti” reciprocamente e abbiamo iniziato a collaborare. Il nome definitivo del progetto invece ha richiesto un po' di tempo: l'illuminazione venne una sera, bevendo una birra sul molo al Chiringuito, quando Lucilla Fiorentino con disarmante semplicità propose “La Scuola Open Source”.


XYZ2016

Bari, 18 – 30 luglio con 12 docenti, 12 tutor, 60 partecipanti, staff di SOS. Il laboratorio di ricerca e co-progettazione XYZ è stato organizzato per co-progettare La Scuola Open Source: sono stati sviluppati in modo cooperativo 3 ambiti di ricerca/progetto: identità (X), strumenti (Y) e processi (Z). Come ha scritto Salvatore Zingale, professore di Semiotica del Progetto al Politecnico di Milano e già docente di X nel 2013 e di XY nel 2014, commentando la morfologia dei glifi XYZ: "La X è l’incrocio, il dialogo. La Y è la biforcazione, la scelta. La Z è la strada che va in ogni direzione, l’esplorazione. XYZ è quella cosa dove le persone dialogano, scelgono e si avventurano".


Report del laboratorio


XYZ2017

Problemi comuni, soluzioni connettive. Bari, 23-31 luglio con 18 tra docenti e tutor più 45 partecipanti. 7 giorni di co-progettazione per porre nuove basi, affrontare le sfide di SOS e dei centri di produzione culturale indipendente, che partecipano in prima persona - Cristina Alga (Clac Palermo), Sergio Galasso (Mare Culturale Milano), Roberto Covolo (ExFadda, San Vito dei Normanni) - nonché implementare gli output di XYZ 2016 – il sistema di accesso Asimov e il carattere tipografico Freak Grotesk. Il laboratorio ha visto la partecipazione della Fondazione Mozilla, promotrice della Campagna contro la Riforma del Copyright.


Report degli output


Trasferimento della scuola a Officina degli Esordi

Perché La Scuola Open Source si è trasferita?


XYZ2018

Dopo un anno ricco di sorprese torna XYZ — se non sai cosa sia, clicca qui e qui — con una nuova sfida.

Obiettivo del laboratorio:
CO-PROGETTARE IDENTITÀ E SITO WEB (X), SISTEMA D'ACCESSI E INTERNET DELLE COSE (Y), GOVERNANCE E SERVIZI (Z) DEL LABORATORIO URBANO OFFICINA DEGLI ESORDI.

9 giorni di durata, 6 docenti + 3 tutor + 3 coordinatori + 60 partecipanti + i soggetti residenti.


Back to Kastrignana

5 anni dopo torniamo dove è iniziata la storia di SOS e lo facciamo perché si apre una nuova fase: verso una rete di Centri di Produzione Culturale Indipendenti (CPCI).


Trasformazione in Cooperativa

Dopo 3 anni di attività, La Scuola Open Source si trasforma in Cooperativa.





tuttiSanti


È un progetto che si ispira alla tradizione iconografica religiosa, reinterpretandola in chiave contemporanea, attraverso nuovi codici linguistici. Il progetto si basa sulla realizzazione di illustrazioni e oggetti d’arredo che mettono a valore le migliori maestranze artigianali del territorio italiano.
Dal latino ‘sanctus’, participio passato di ‘sancire’, proteggere con sanzione, ma anche stabilire per legge, santo è per definizione colui o colei che durante la propria esistenza si è distinto per aver eseguito le virtù del proprio credo. TuttiSanti rilegge in chiave “pop” figure centrali delle tradizioni religiose attraverso uno studio approfondito dell’iconografia sacra preesistente.
Il progetto intende riflettere sulle dinamiche di affezione popolare utilizzando una chiave di lettura non necessariamente devota, ma più affine alla definizione di “nume tutelare”.
TuttiSanti rilegge in chiave “pop” figure centrali delle tradizioni religiose attraverso uno studio approfondito dell’iconografia sacra preesistente. Il progetto intende riflettere sulle dinamiche di affezione popolare utilizzando una chiave di lettura non necessariamente devota, ma più affine alla definizione di “nume tutelare”. Dal latino ‘sanctus’, participio passato di ‘sancire’, proteggere con sanzione, ma anche stabilire per legge, santo è per definizione colui o colei che durante la propria esistenza si è distinto per aver eseguito le virtù del proprio credo.
Attraverso la figura del santo, la tradizione evoca storie di donne e uomini straordinari. A prescindere dal proprio credo, questo progetto intende celebrare “l’eccezionalità” che caratterizza tutti gli esseri umani.


Come nasce TuttiSanti?

FF3300 nel 2013 ha realizzato, su commissione, il manifesto per il Corteo Storico di San Nicola a Bari – progetto esposto lo scorso novembre 2015 alla mostra “Millennials — La nuova scena della grafica italiana”, a cura di AIAP, presso la Fabbrica del Vapore di Milano.


Dove ha origine l’iconografia?

Ogni illustrazione trae ispirazione dalle antiche icone di matrice cristiana e ne reinterpreta gli stilemi e le simbologie in una modalità inedita e contemporanea.
Per San Nicola, l’icona di riferimento proviene dalla Russia e risale al XVII secolo.





About

FF3300 è un'agenzia di design e comunicazione. Ci occupiamo di strategia, branding, comunicazione politica e istituzionale, editoria, strumenti digitali e marketing.


Da oltre di 10 anni ci occupiamo di strategia, branding, comunicazione politica e istituzionale, editoria, strumenti digitali e marketing per organizzazioni politiche, istituzioni e aziende.

Teniamo workshop e corsi in collaborazione con diverse Scuole e Università italiane, facciamo ricerca e consulenza in ambito artistico e tecnologico. Crediamo nel potere del metodo, delle idee e della cultura.



ESPERIENZE:

La campagna di comunicazione politica “La poesia è nei fatti” per le elezioni regionali in Puglia 2010 del candidato Nichi Vendola è stata premiata con 4 oscar della comunicazione politica.


Il progetto “Identità e storytelling del partito democratico” è stato selezionato da ADI Design Index e ha partecipato alle finali per l’assegnazione del premio “XXIII Compasso D’Oro” edizione 2014.


“SOS. La Scuola Open Source” progetto per la realizzazione di un centro dedicato all’innovazione, sociale e tecnologica, dove svolgere didattica e ricerca, aperto a persone con interessi comuni per favorire l’incontro, la socializzazione e la collaborazione, vince il bando di finanziamento “che Fare” premio per la cultura.


“Spaghetti Vespa Typography, a very Italian poster exhibition” tenutasi all’interno dell’evento Budapest Design Week 2010 a cura di Antonino Benincasa.


“Graphic Design Worlds” presso la Triennale di Milano, a cura di Giorgio Camuffo.


“Contemporary Italian Social and Cultural Communication Design” tenutasi in Russia e a Roma, a cura di Cristina Chiappini.


“Act for culture in Europe”, poster disegnato per la presidenza di turno del consiglio dell’Unione
Europea, nell’ambito della raccolta firme per l’Act for culture in Europe.


Mostra itinerante “Il Genio delle due sicilie”, ospitata dalla manifestazione “Palermo Design Week” e a Parigi, “Le Gènie des deux siciles”, a Place du Panthéon.


“Millennials / La nuova scena della grafica italiana”, mostra tenutasi a Milano presso La Fabbrica del Vapore, a cura di Aiap.


Giuria per la selezione dei 40 poster vincitori della terza edizione del contest “Posterheroes”, sul tema delle Smart Cities, organizzato dall’associazione culturale Plug di Torino.


Relazione sul ruolo della memetica e del design della comunicazione nel processo di costruzione dell'immaginario collettivo, presso il Forum della Comunicazione a Roma.


Speaker per la seconda edizione di “Serve essere Eroi” tenutasi al Teatro Vittoria di Torino e organizzata dall’associazione culturale Plug.


Workshop sul tema del digital campaigning all'interno del percorso di formazione Frattocchie 2.0 organizzato dal Partito Democratico a Reggio Emilia


Lectio Magistralis presso Master U-Rise dello IUAV di Venezia sul rapporto tra design e innovazione tecnologica / sociale


Seminario su attivismo digitale, digital campaigning e comunicazione politica svolto presso Officina degli Esordi a Bari, all'interno della manifestazione Riparte il Futuro, organizzata da Libera.


Workshop presso Toolbox Torino svolto in occasione del Torino Graphic Days 2018


Relazione sul tema degli strumenti di comunicazione digitali presso l'alta scuola di formazione SPI